La Terapia con il Mezzo del Cavallo non è quindi né una mera attività ludica né una terapia alternativa a quelle tradizionali. Essa applica le tecniche standard di riabilitazione con un mezzo particolare, il cavallo. Si avvale cioè delle competenze di psicologi, medici, fisioterapisti, psicomotricisti, terapisti occupazionali che, in collaborazione con pedagoghi ed istruttori d'equitazione, impostano il loro protocollo di progetto per incontri a scuola e maneggio e rieducazione abituale. Nel Centro operano tutti professionisti in possesso degli adeguati titoli di studio ed abilitazione alla professione. Alcuni di loro hanno inoltre frequentato corsi di perfezionamento presso la Scuola Nazionale A. Associazione Nazionale Italiana Riabilitazione Equestre. Ad essi si affiancano i tirocinanti ed alcuni volontari, che coadiuvano terapeuti e terapisti nei rapporti con il cavallo, ma non intervengono negli aspetti riabilitativi e rieducativi. II Centro opera in tre aree: Le attività sono impostate in modo da richiedere e favorire la collaborazione con gli altri: Le attività proposte sono tarate per essere svolte insieme e richiedono da parte dei ragazzi una divisione dei compiti ed il coordinare il loro agire.

Progetto per incontri a scuola e maneggio Un Cavallo a scuola

Storia e filosofia dell'associazione. Verrà data particolare importanza all'ascolto dei ragazzi. Si affiancherà alla musica la stimolazione tattile da parte del terapeuta, attraverso sia il diretto contatto corporeo carezze, pressioni, dondolii ecc. È prevista una mezza giornata h in cui uno psicologo sarà a disposizione per ascoltare i genitori che vorranno usufruirne. Sono esclusi dalla cifra: Ad esempio il lato lungo del maneggio implica più tempo per essere percorso, a meno che non si vada più veloci. L'attuazione del progetto sarà preceduta da alcuni incontri organizzativi con le insegnanti. Il rettangolo del maneggio in cui lo spazio è ben delimitato e dotato di punti di riferimento cartelli o lettere permette di avere il vissuto immediato di cosa sia stare al centro o lungo il lati sulla pista , proseguire in linea retta o fare una spezzata, o ancora, muoversi in cerchio. Non è necessario un abbigliamento particolare, sono sufficienti un paio di pantaloni lunghi comodi evitate le fibre sintetiche scivolose ed un paio di scarpe da ginnastica. Incontri con gli insegnanti.

Progetto per incontri a scuola e maneggio

GLI INCONTRI: La durata, gli argomenti trattati e il calendario degli incontri saranno da concordarsi secondo le disponibilità della scuola e adattate alla fascia d’età dei bambini, possono essere configurati come unica gita, anche solo di poche ore, oppure come percorso formativo durante l’anno. per la scuola primaria e secondaria. OBIETTIVO GENERALE E TIPOLOGIA DEL PROGETTO. - eventuale gita in maneggio per tutte le classi alla fine del progetto. Obiettivi: in linea In particolare, il presente progetto propone degli incontri nelle classi, caratterizzati non da una metodologia di tipo didattico come seminari o lezioni frontali. PROGETTO “ LA SCUOLA PRIMARIA AL CENTRO IPPICO” Il pony, simpatico animale, è un formidabile maestro di scuola per il bambino! E l’equitazione, non è un’esagerazione affermarlo, è ricca di virtù educative! quarta e quinta: 6 incontri di un’ora ciascuno. SCUOLA-EQUITAZIONE: UN PROGETTO EDUCATIVO SPECIFICO PER IL BAMBINO cui spetta il ruolo di mediatore fra bambino, cavallo e ambiente. In maneggio, l’operatore rappresenta il punto di riferimento, il detentore delle regole e delle con la natura stimola la curiosità e l’interesse per nuove scoperte e può contribuire.

Progetto per incontri a scuola e maneggio